Orticaria

L’orticaria è un’eruzione della pelle (cutanea) caratterizzata dalla comparsa di bolle (pomfi) in rilievo che causano prurito e possono avere un colore variabile dal rosa pallido al rosso intenso. L’eruzione, più frequentemente superficiale (epidermica), può apparire su una parte limitata del corpo (localizzata) o essere distribuita su grandi aree (diffusa). Quando colpisce gli strati più profondi della pelle (epidermide) si parla di angioedema.

Orticaria

L’orticaria si può dividere in:

  • orticaria acuta, di durata inferiore alle 6 settimane
  • orticaria cronica, di durata superiore alle 6 settimane

Mentre l’orticaria acuta è frequentemente causata da una reazione di tipo allergico, la forma cronica ha spesso una causa autoimmune.

L’orticaria è una condizione molto frequente: almeno il 20% della popolazione generale la sperimenta. La forma acuta è più frequente nei giovani, la popolazione colpita più spesso dalla forma cronica è costituita da donne di mezza età.

In molti casi, non è necessario alcun trattamento perché l’eruzione cutanea migliora entro pochi giorni. Se il prurito è intenso, i farmaci antistaminici da banco possono contribuire ad alleviare i disturbi (sintomi).

Se i disturbi non scompaiono entro 48 ore è consigliabile rivolgersi al medico di famiglia.

L’orticaria si contraddistingue per la comparsa di bolle (pomfi) rosse e pruriginose che derivano da una reazione della pelle (cutanea). I pomfi variano di dimensioni, appaiono e si sbiadiscono ripetutamente man mano che la reazione fa il suo corso.

L’orticaria acuta compare improvvisamente e si risolve spontaneamente entro pochi giorni o comunque in poche settimane.

In caso di pomfi che continuano ad apparire per diversi giorni è opportuno rivolgersi al medico.

La condizione è considerata cronica se i pomfi durano per più di sei settimane e ricorrono frequentemente per mesi o anni.

Segni e disturbi (sintomi) causati dall’orticaria cronica includono:

  • comparsa di pomfi rossi o color pelle in qualunque area del corpo
  • pomfi che variano di dimensioni, cambiano forma, appaiono e si sbiadiscono ripetutamente, man mano che la reazione esaurisce il suo corso
  • prurito intenso
  • gonfiore e dolore (angioedema), a labbra, palpebre e gola
  • ricomparsa dei disturbi, in presenza di fattori scatenanti come il calore, l’esercizio fisico e lo stress
  • durata dei disturbi maggiore di sei settimane
  • ripetersi dei disturbi in modo frequente e imprevedibile per mesi o anni

L’orticaria cronica non causa alcun rischio di improvvisa reazione allergica grave (anafilassi). Segni e disturbi associati all’anafilassi comprendono:

  • vertigini
  • problemi di respirazione
  • gonfiore delle labbra, delle palpebre e della lingua

Nel caso i pomfi siano associati a una grave reazione allergica (anafilassi), è necessario recarsi subito al più vicino pronto soccorso.

L’orticaria è una reazione della pelle (cutanea), dovuta al rilascio di istamina (sostanza chimica prodotta ed immagazzinata da cellule coinvolte nella risposta allergica e immunitaria quali i mastociti e i granulociti basofili) e altre sostanze chimiche nel sangue (reazione allergica) quando la pelle di una persona predisposta entra in contatto con possibili cause scatenanti che includono:

  • alimenti, crostacei, pesci, arachidi, noci, uova e latte sono spesso i “colpevoli”
  • farmaci, quasi tutti i farmaci possono causare orticaria o angioedema. I più comuni includono penicillina, aspirina, ibuprofene, naprossene e farmaci antipertensivi
  • allergeni comuni, come polline, peli di animali, lattice e punture di insetti
  • esposizione a stimoli meccanici o fisici, calore, freddo, luce solare, acqua, pressione o sfregamento sulla pelle e esercizio fisico
  • stress emotivo
  • condizioni mediche preesistenti, orticaria e angioedema si manifestano occasionalmente in risposta a trasfusioni di sangue, malattie autoimmuni come il lupus, alcuni tipi di tumore come il linfoma, alcune malattie della tiroide e infezioni da batteri o virus come l’epatite, l’HIV, il citomegalovirus e il virus di Epstein-Barr
  • genetica, l’angioedema ereditario (genetico) è una forma rara. È legato a bassi livelli o funzionamento anormale di alcune proteine ​​del sangue che svolgono un ruolo nella regolazione della risposta del sistema immunitario

Per accertare (diagnosticare) l’orticaria, il medico di famiglia eseguirà un esame fisico, esaminerà i pomfi e farà una serie di domande (anamnesi) per cercare di capire le possibili cause dei segni e dei disturbi (sintomi). In alcuni casi, potrebbe raccomandare un test allergologico cutaneo e, se suppone un angioedema ereditario, prescrivere esami del sangue per verificare i livelli e la funzione di specifiche proteine.

Il medico potrebbe anche chiedere di annotare:

  • attività giornaliere
  • assunzione di farmaci, rimedi a base di erbe o integratori
  • alimentazione
  • area in cui appaiono i pomfi e il tempo impiegato a svanire
  • presenza di gonfiore e dolore
Fonte:

Prenota online una visita

Call Now Button